la tentazione di abitare

0
1685

metro-praga1-300x216-9927493

Il tema del viaggio è onnipresente e vastissimo nell’esperienza umana, così come nell’elaborazione letteraria sin dalle origini. Alcuni dei viaggi più celebri descritti nella letteratura, partendo dall’epopea dell’eroe sumero Gilgamesh e dall’odissea di Ulisse, continuando con il viaggio immaginato da Dante nella Commedia, fino alle più recenti peregrinazioni di Pinocchio di Collodi o del Piccolo Principe di Saint-Exupéry, si possono interpretare appunto come esperienze intraprese e svolte per conseguire un diverso stato, se non come percorsi iniziatici volti ad ottenere una visione della realtà più alta, prossima alla verità.

Il viaggio è al tempo stesso un fatto reale, che si esprime in modi e con logiche molto diverse nei differenti contesti storico-sociali, e una metafora potente: lo spostamento nello spazio che esso implica è stato associato innumerevoli volte e in molte culture all’incedere dell’uomo nel tempo, o al trascorrere della vita attraverso le sue diverse tappe (homo viator, si diceva nel medioevo), e specialmente al punto chiave rappresentato dalla morte e dal passaggio verso un’altra vita, ciò che sta “al di là”.

Qui, come in molti altri casi, la metafora spaziale supplisce la difficoltà di raffigurare il passaggio nel tempo.

Text and pictures by  Marta Orlando.